Call: 0123456789 | Email: info@example.com

Archives
lì dove il tempo si è fermato

Storia e Leggenda

La Leggenda

monteSecondo la leggenda Monteviasco nacque nel periodo del dominio spagnolo in Lombardia per la necessità di quattro soldati, i quali per sfuggire ad un gramo destino, dopo alcune malefatte, cercarono un posto isolato il più lontano possibile da chi li stava cercando.

Eccoli quindi dopo un bel po’ di girovagare raggiungere la costa del monte Polà e costruire le loro case con i materiali disponibili sul posto.

Passato il pericolo imminente e risolto il problema del sostentamento, grazie all’allevamento del bestiame acquistato nei paesi vicini e alla coltivazione del terreno conquistato alla montagna con grande fatica, i quattro banditi ,che la leggenda narra si chiamassero Moranti, Cassina, Dellea e Ranzoni, cominciarono a sentire la mancanza dellla compagnia femminile.

Da uomini abituati ad agire quali erano, si guardarono intorno trovando le ragazze di loro gradimento nel paese di Biegno, situato nella valle di fronte…… ma sempre banditi erano!

Detto fatto arredarono le rispettive case, comprarono doni per le future spose e finalmente, approfittando del fatto che gli uomini del paese nel periodo estivo andavano con le greggi agli alpeggi, misero in atto il loro piano.

Arrivati a Biegno, armati di fortuna e determinazione, rapirono le ragazze e le portarono a Monteviasco non lasciandosi impietosire dalle loro preghiere.

Ben presto però le campane di Biegno suonarono a martello ed i parenti delle rapite, riunito il maggior numero di persone possibile, si avviarono con sguardo truce e passo sicuro decisi riprendersi le ragazze e a punire molto severamente coloro i quali tanto avevano osato.

Le gentili donzelle passato lo spavento, dapprima lusingate dai complimenti infine rassicurate dalla serietà delle intenzioni dei quattro briganti, andarono incontro ai loro parenti per convincerli a lasciarle rimanere.

Fortunatamente per i discendenti di Monteviasco ci riuscirono e le campane suonarono ancora, ma questa volta a FESTA!



La Storia

 monteNella realtà Monteviasco nacque in concomitanza con gli altri paesi della Val Veddasca probabilmente dal peregrinare di un popolo di origine Ibero-ligure, che si insediò in questa valle attratto dall’abbondanza della selvaggina e dai boschi.

 Col passare del tempo questo popolo si evolse cominciando a coltivare i terrazzi, creati facendo dei muretti a secco chiamati campitt, e allevando bestiame utilizzando i pascoli sopra il paese.

 Le prime notizie scritte su Monteviasco si hanno intorno al 1200 ma la sua origine potrebbe risalire a tempi più lontani, tesi avvallata anche da alcuni ritrovamenti di incisioni rupestri che risalirebbero all’età del bronzo.

 C’è da sottolineare che Monteviasco, tenendo conto dell’economia del tempo, era posizionato in modo estremamente favorevole.

 Oggi al contrario di allora è da ritenere escluso dalle comuni rotte economiche. E probabilmente proprio a questo deve la conservazione delle proprie caratteristiche avendo subito in minima parte gli interventi di “modernizzazione” che anno invece deturpato interamente altri villaggi simili.

 La punta massima di abitanti nel paese si è raggiunta nel 1855 toccando il ragguardevole numero di 410 anime; seguendo poi la sorte di molti altri paesi andò via via spopolandosi, passando dai 278 nel 1931 ai 147 nel 1971 per arrivare agli attuali 15.